Cenacolo di Santa Croce, a Firenze (Piazza Santa Croce n. 16

Concerto - Evento inserito da elena

Indirizzo: Piazza Santa Croce n. 16 , Firenze

Data: Giovedì 12 Gennaio 2017

Descrizione

Camerata e Corale in concerto al Cenacolo di Santa Croce

Sabato 14 gennaio 2017, alle ore 21.00, presso il Cenacolo di Santa Croce, a Firenze (Piazza Santa Croce n. 16) la Corale Santa Cecilia 1909 insieme all'Ensemble strumentale “Camerata de' Bardi” - costituito da Roberta Landi Malavolti (violino), Angela Tomei (violino), Caterina Paoloni (viola), Valeria Brunelli (violoncello), Luca Zalaffi (contrabbasso), Pamela Burrini  (clavicembalo) - accompagneranno le voci soliste di Eva Mabellini e Cristiana Fogli, le voci recitanti di Silvia Bargellini e Paolo Spennato, sotto la direzione del M° Andrea Sardi, nell'esecuzione del Gloria in Re maggiore RV 589, per soli, coro e orchestra di Antonio Vivaldi.

Come ben sottolineato dalla musicologa Laura Pierantoni, il Gloria RV 589 è senz'altro una delle pagine più avvincenti e conosciute del musicista veneziano. Il testo è organizzato in 12 sezioni che si alternano in una varietà di forme, di tempi, di ritmi, di tonalità e di organico: brani solistici nello stile dell'aria, strumenti concertanti, cori omofonici, contrappunti, ritornelli nello stile del Concerto. L'unitarietà del lavoro viene garantito dalla ripresa, nel penultimo movimento, dello stesso tema iniziale in una sorta di circolarità strutturale.

L'opera si apre con una incalzante e trionfale introduzione orchestrale su un tema incisivo e ritmico degli archi bassi al quale risponde un disegno più scorrevole; su questo deciso andamento si innesta la maestosa entrata omoritmica del coro, Gloria in excelsis, che si amalgama e si alterna con l'orchestra secondo i tipici dettami dello stile sacro concertato.

Con il versetto Et in terra pax l'atmosfera cambia radicalmente; protagonista è sempre il coro ma con accenti e modulazioni di intimismo sofferto.

Il Laudamus te è sostanzialmente un duetto per voci soliste con l'accompagnamento di archi e continuo; il clima è festoso. Torna il coro con un lento e omofonico Gratias agimus tibi che si trasforma immediatamente in un perfetto fugato a quattro voci Propter magnam gloriam tuam.

Il Domine Deus Rex Coelestis è una delicata aria affidata al soprani; pagina di idilliaca atmosfera pastorale avvallata anche dal ritmico andamento "alla siciliana". È nuovamente il coro a riprendere la parola in compagnia degli archi nel Domine Fili Unigenite.

Un bellissimo tema affidato ai bassi sorregge il Domine Deus, agnus Dei sul quale si libra l'intensa voce del contralto punteggiata da accorati interventi invocativi del coro ("miserere nobis!"). Coro a cui è lasciata la pagina successiva, Qui tollis, dal carattere assorto e intimamente spirituale: voci e orchestra procedono insieme solennemente e mestamente, come in un corale luterano.

Lo stile maestoso dell'inizio comincia a riapparire nel Qui sedes ad dexteram patris strutturato nella forma del Concerto: un ampio ritornello dell'orchestra introduce l'aria del contralto che dialoga con la compagine strumentale in una sorta di rinnovata alternanza solo-tutti.

Il circolo quindi si chiude sul Quoniam tu solus sanctus che è in realtà una sintesi del materiale utilizzato nel primo movimento e ha il compito di introdurre la solenne fuga finale, Cum Sancto Spiritu. Quest'ultimo brano però, che conclude anche l'altro Gloria RV 588, non è opera di Vivaldi; si tratta infatti di una sezione di Gloria scritta da Giovanni Maria Ruggieri nel 1708 e solo ricopiata dal compositore veneziano.

L'evento è inserito nella rassegna “Concerti al Cenacolo 2017” e promosso dall'Associazione “Amici di Santa Croce”, dall'Ensemble Santa Croce e da Arteincanto Musica.

L'ingresso al Cenacolo, affrescato da Taddeo Gaddi tra il 1334 e il 1366, è libero fino ad esaurimento posti.

Altri eventi di Giovedì 12 Gennaio:

Pubblicità:

Posizione sulla mappa

Pubblicità:

Commenti

Seguici su:
News dai locali:
Eventi in primo piano:

» Vai a tutti gli eventi

I nostri Articoli
Capodanno 2018 al Ristorante La Maremma a Firenze A due passi da Santa Croce di fronte al teatro Verdi, in pieno centro storico di Firenze, si trova il Ristorante toscano "La Maremma" uno fra i pochi esercizi storici fiorentini. Dal 1956 punto d'incontro e fucina di antichi sapori e tradizioni. vai»
Capodanno 2018 alla discoteca Space Space Club è una delle più grandi discoteca di Firenze, situata nel centro storico della città vicinissimo alla stazione ferroviaria Firenze Santa Maria Novella (S.M.N.) vai»
Cenone di Capodanno 2018 all'Osteria Dei Baroncelli a Firenze Nel Centro storico della città Potrai Gustare i migliori piatti della Cucina Toscana e Italiana preparati con cura e passione dal nostro Bravo Chef Costantino. Tutti I prodotti Sono Freschi, Non Precotti e rigorosamente Preparati Nelle Nostre Cucine ...350 posti nel cuore della città! vai»
Festa di Capodanno 2018 a Villa Resort Festa con possibilità di pernottamento a VILLA RESORT (Festa per tutti i target) vai»
Capodanno Fiorentino al Ristorante Rubaconte Nel cuore di Firenze, c'è il Ristorante il Rubaconte, un'isola tranquilla dove poter trascorrere un'ottima serata all'insegna della riservatezza, del buon umore e dell'ottima cucina. Cenone Fiorentino € 69,00 vai»
Gran Cenone di Fine Anno 2017-2018 al Ristorante Vecchia Firenze con musica e menù a scelta Il Ristorante VECCHIA FIRENZE propone la cucina tipica toscana con assortimenti di primi fantasiosi, carne sulla griglia ma anche menù di pesce ed una selezione di vini e spumante. Potremo festeggiare insieme il classico cenone con musica dal vivo. vai»
Capodanno Medievale 2018 all'Antico Spedale del Bigallo a Firenze Partecipa ad un suggestivo banchetto presso l’Antico Spedale del Bigallo, medievale e grandioso edificio lungo l’antico e ripido tratto della via Aretina, fondato nel 1214 alle porte dell’autentica Firenze medievale. vai»
Cenone di Capodanno del 31 dicembre 2017 all’Hotel Brunelleschi in centro a Firenze L’Hotel Brunelleschi, nel centro storico di Firenze a pochi passi da piazza della Signoria, vi affascinerà con due raffinati cenoni realizzati dallo chef stellato Rocco De Santis, presso gli esclusivi ristoranti Santa Elisabetta, ubicato nell'antica torre della Pagliazza, ed i Saloni delle Feste situati al primo piano dell’hotel. vai»